Io ci provo, a fare il papà …

agosto 8, 2011 § 7 commenti

Cinque mesi fa ho deciso di prendermi una pausa dal lavoro: 6 mesi di congedo parentale per occuparmi dei miei figli.
Tre. Di quattro, quasi-tre e un anno.
Non ci sono eroi, solo una famiglia fortunata che può permettersi di vivere col solo stipendio di lei (perché col 30% dello stipendio vivere in 5 non è difficile, è impossibile! ma questo è un’altro discorso); fatto sta che mi son ritrovato a fare il papà e la casalinga.

Prima cosa: la rivalutazione della casalinga (con tante scuse alla mia mamma)
L’uomo finto-moderno è solito tessere le lodi della casalinga, “la casalinga è un lavoro come un altro, anzi più importante; la casalinga lavora duro e io sì che la capisco; la casalinga andrebbe apprezzata molto di più …”
Ecco, sappiate che l’uomo finto-moderno non ci crede.
Si tratta di un atteggiamento sciovinista-finto-femminista di chi in realtà pensa che ” …io porto a casa la pagnotta e lei alla fine deve passare la scopa un paio di volte alla settimana, fare il sugo ed apparecchiare la tavola”.
Lo so perché ero così anche io.
Poi ci provi e tutto cambia.

Se volete prendervi un congedo parentale per avere un sacco di tempo libero avete sbagliato tutto.
Tanto per cominciare diciamo, a chi crede che i bambini piccoli dormano molto, che questo è vero, ma allo stesso tempo nessuno è mai riuscito a spiegare loro che sono meglio (meglio per me, quantomeno) 12 ore filate di sonno piuttosto che 6 sonnellini da due ore . Se poi consideriamo che le probabilità che i sonnellini dei tre coincidano sono matematicamente nulle, capirete che la costante di questi 5 mesi è stata un sonno disperato.
Il tempo libero è minimo, certo più facilmente gestibile rispetto a quando fai i turni i fabbrica od in pronto Soccorso, ma molto probabilmente minore. E poi c’è la finta-coscienza che se sei stato a farti una guardia in ospedale ti autorizza a tornare a casa e guardare il TG di Mentana mentre i tre smontano tutto (tranne il TV) invece, se sei stato tutto il giorno con loro, guardare Mentana è oziare immeritato.
(peraltro, in entrambi i casi, guardare Mentana mentre tre folli si rincorrono urlanti nella sala dove tu e Chicco cercate un po’ di intimità è più che altro un eufemismo).

Fare il papà a tempo pieno (la casalinga) non finisce mai; non c’è uno che viene a darti il cambio ma al massimo una che quando non lavora ti da una mano e divide con te le cose da fare (lamentandosi di doverle fare tutte lei … un altro discorso ancora); e anche quando ti sembra di poter prendere una pausa hai sempre quel piccolo ingiustificato senso di colpa che ti rode e che non ti fa godere nemmeno quei trenta minuti.

Ma raccontarlo non servirà a nulla. Chi non l’ha provato continuerà a fingere di stimare le casalinghe e chi l’ha provato sa di cosa parlo senza leggermi.
Ma quello che consiglierei se qualcuno mi leggesse è di non perdere questa occasione.
Rinunciare a vivere i propri figli avendo la possibilità (economica) di farlo è sprecare un pezzo di vita.

Matilde e Lorenzo si inseguono urlando frasi senza senso e Marta li osserva, urlando pure lei dalla gioia che deriva dal sapersi non l’unica pazza furibonda dentro casa. Io cerco di vedere e ascoltare (per modo di dire) Chicco, che ci terrebbe a raccontarmi i fatti salienti della giornata, ma più che altro i ricci davanti ai miei occhi sono quelli di Lorenzo e Matilde che girano intorno alla mia poltrona lanciandosi oggetti. Poi Matilde si blocca, fissa il TV e indicando il buon Chicco:
– Papà! Guarda che bello el to amis Mentana! Ha taiato i capelli!

Annunci

Tag:, , , , , ,

§ 7 risposte a Io ci provo, a fare il papà …

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Io ci provo, a fare il papà … su Staserabrodino.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: