Arrivederci amore, ciao

novembre 28, 2011 § 4 commenti

Massimo Carlotto scrive bene.
Tu cominci a leggere e sembra che ti racconti una storiella, lineare, semplice, senza fronzoli; e di colpo ti ritrovi in un ambientaccio circondato dalla peggio gentaglia. E la cosa assurda è che tutto sommato sei anche a tuo agio.

Non vi starò a scrivere una recensione, però vi racconto cosa mi ha scosso di Arrivederci amore, ciao.
Il protagonista è un criminale della peggior specie: assassino ed ex-terrorista (ma anche ex-idealista), uno per cui ammazzare per il proprio interesse è normalità quotidiana. Ma Carlotto è così bravo che ad un certo punto ci troviamo a fare il tifo per lui, mentre quello che fa finisce per essere normale anche per noi, quasi a nostra insaputa.
Carlotto non dà giudizi, non ci impone una distinzione tra bene e male, tra buoni e cattivi (piuttosto tra cattivi-svegli e cattivi-stupidi) ma ci presenta in maniera distaccata l’altra faccia della medaglia rispetto a quella su cui c’è la nostra effige.

Adesso perdonatemi se la faccio breve ma devo andare a svaligiare una banca.

Annunci

Tag:, ,

§ 4 risposte a Arrivederci amore, ciao

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Arrivederci amore, ciao su Staserabrodino.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: